Blog

Super green-pass e nuovi controlli: Rainews 24 intervista Antonio Giannelli

 

Il presidente Giannelli, intervistato il 2 dicembre sull’argomento super green-pass e controlli dal programma “Parliamone” del canale Rainews 24, ha raccontato come si siano preparati i prefetti ad affrontare la nuova sfida.

In primo luogo, Giannelli ha esposto la metodologia seguita per impartire le nuove direttive: in seguito al tavolo tecnico tenuto dal Ministro Lamorgese con i prefetti sull’argomento, sono stati convocati sul territorio i Comitati provinciali per l’ordine e la sicurezza pubblica, in maniera da tarare sulla particolarità di ogni provincia gli interventi da effettuare.

Tali interventi, ha sottolineato Giannelli, avranno precipuo scopo preventivo, poiché è proprio l’attività di prevenzione a caratterizzare l’azione delle prefetture, rimanendo la sanzione un extrema ratio.

L’obiettivo dei controlli, quindi, sarà quello di garantire il rispetto dei diritti di tutti i cittadini, abbiano essi scelto di vaccinarsi o meno, naturalmente tenendo conto della differente regolamentazione disposta dalle norme per le due casistiche.

Modalità dei controlli.

Per quanto concerne l’effettuazione dei controlli, ha proseguito Giannelli, sarà necessario svolgere alcune distinzioni. In primo luogo, i controlli relativi al trasporto si svolgeranno in grande prevalenza a terra, alle fermate dei mezzi pubblici, non a bordo. Inoltre, in molti casi saranno effettuati anche grazie alla collaborazione del personale delle aziende di trasporto, affiancati naturalmente da personale delle forze dell’ordine.

In altri casi è avvenuta un’individuazione dei “team leggeri” di controlli misti che opereranno nelle zone della c.d. movida, naturalmente tenendo conto le peculiarità di ogni territorio. La funzione essenziale svolta dalle prefetture, infatti, emerge proprio in quei frangenti in cui è necessario modellare degli indirizzi nazionali sulle particolari esigenze di ogni provincia.

Rispondendo alla domanda posta dalla giornalista Chiara Paduano sulle carenze di personale tra le forze di polizia, Giannelli in primo luogo ha voluto sottolineare l’eccellente lavoro svolto da quest’ultime, in particolar modo nel periodo pandemico.

Proseguendo, il presidente del Sinpref ha messo in luce che – a supporto dell’attività essenziale delle forze dell’ordine – le prefetture sono riuscite ad ottenere grande collaborazione anche dalle diverse associazioni di categoria, le quali hanno manifestato la propria disponibilità a sensibilizzare i propri aderenti. Ciò permetterà di evitare momenti di imbarazzo o tensione, che potrebbero seguire ai controlli ampi e serrati, anche se a campione.

Diversificazione dei controlli.

In ultimo, il viceprefetto Giannelli ha sottolineato la differenza tra le due grandi categorie di controlli che dovranno essere effettuati.

Per quanto riguarda i luoghi del divertimento è possibile affermare che molte volte, in questi mesi, hanno rappresentato un esempio virtuoso di controlli, proprio grazie alla collaborazione dei gestori dei locali, quindi la partita decisiva sarà quella del trasporto.

Ed infatti, come le prefetture hanno già potuto verificare al momento di organizzare i trasporti scolastici, i controlli relativi al trasporto urbano e locale rappresenteranno la sfida più grande: anche alle fermate si dovrà evitare la formazione di assembramenti, e quindi i controlli dovranno necessariamente essere fluidi, contando sulla collaborazione di tutti.

Infine, aggiunge Giannelli, è bene ricordare che le difficoltà riguarderanno un numero limitato di individui, alla luce delle percentuali di vaccinazione della popolazione raggiunte nel nostro Paese.

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila il form
per richiedere informazioni

Leggi anche:

Compila il form per richiedere informazioni

Torna su